Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Specie target

Pino d'Aleppo

Gestri

Nome comune Pino d'Aleppo
Nome latino Pinus halepensis
Famiglia Pinaceae
Specie target interventi di eradicazione

 

Distribuzione

Il pino d’Aleppo è distribuito in tutto il bacino del mediterraneo e in Italia è presente lungo tutte le coste della penisola e delle isole. Nell’Arcipelago Toscano è molto diffuso nell’isola di Pianosa, diversi nuclei si trovano anche all’Elba dove, nelle stazioni costiere più calde e rocciose sostituisce il pino marittimo.
Il problema dell’indigenato di questa specie in Italia è ancora aperto, infatti non è escluso che molti popolamenti derivino da antichi rimboschimenti. Potrebbe essere spontanea nelle aree più calde dell’area mediterranea, dove assume un portamento arbustivo o contorto a bandiera. Le formazioni più importanti si trovano in Puglia, Sardegna, Sicilia e piccole isole.

Descrizione

È una albero che può raggiungere i 20 metri di altezza. Portamento ombrelliforme, almeno negli esemplari completamente cresciuti. Si distingue facilmente dagli altri pini (pino domestico e marittimo) soprattutto per la corteccia grigio chiara, aghi sottili, un po' glauchi e pigne più piccole tipicamente legate ai rami da peduncoli contorti.

Ecologia

Si tratta di una specie adattata alla siccità, capace di crescere su suoli poco sviluppati e rocciosi. Trova le stazioni di elezione su substrati calcarei o calcareo-marnosi. Generalmente vegeta nelle garighe costiere, anche se si trova fino ad una quota di 800 metri. A differenza del pino domestico (Pinus pinea), il pino d’Aleppo è in grado di rinnovarsi autonomamente, la germinazione dei semi è stimolata soprattutto dal forte calore dovuto ad un incendio.

Problematiche connesse con la sua presenza

Il pino d’Aleppo rispetto al pino domestico è capace di rinnovamento naturale. Nelle stazioni costiere costituisce una minaccia per tutte le formazioni vegetali di interesse conservazionistico da quelle erbacee a quelle legnose. Nel caso specifico di Pianosa, questo pino minaccia le macchie e boscaglie a ginepro fenicio (Juniperus phoenicea). Infatti a partire dai nuclei esistenti (considerati impianti artificiali data la distribuzione originaria in filari regolari) è stata osservata la capacità di rinnovamento nel sottobosco e nelle aree circostanti; inoltre come effetto immediato del taglio dei pini (avvenuto nel corso di un precedente progetto di conservazione) si è avuta una rapida ripresa vegetativa dei ginepri che erano presenti sotto la copertura.

Misure di contenimento

I metodi utilizzati per il controllo di questa specie sono il taglio raso o cercinatura. La ramaglia viene subito allontanata per ridurre il rischio di propagazione dei semi. Nei mesi successivi al taglio è necessario effettuare un controllo per eliminare le eventuali plantule germinate dai semi caduti al suolo nel corso degli interventi.

 

Life Natura 2000 Corpo Forestale dello Stato Parco Nazionale Arcipelago Toscano Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Nemo Regione Toscana Provincia di Livorno
Parco Nazionale Arcipelago Toscano Località Enfola - 57037 - Portoferraio (LI) P.I. 91007440497
2011 © Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano - Powered by Sesamo - www.sesamo.net